Gambero rosso: sì a burrata IGP Andria

Prestigioso riconoscimento per la burrata IGP di Andria. La famosa casa editrice specializzata in enogastronomia che edita la rivista nazionale “Gambero rosso” ha conferito il riconoscimento a questa burrata: un formaggio prodotto con latte vaccino e ottenuto dall’unione di panna e formaggio con pasta filata.

La burrata di Andria IGP è un formaggio prodotto con latte vaccino e ottenuto dall’unione di panna e formaggio con pasta filata. L’involucro è costituito esclusivamente da pasta filata che racchiude, al suo interno, una miscela di panna e pasta filata sfilacciata, che si presenta di forma rotondeggiante a forma di sacca.

Il ripieno o stracciatella ha una consistenza spugnosa ed è composto da pasta filata stracciata a mano immersa nella panna. La Burrata di Andria IGP ha un peso variabile tra i 100 g e i 1 000 g e un involucro di spessore ≥ 2 mm. Il gusto è dato dal sapore di latte fresco o cotto unito a burro e panna.

Al taglio, la Burrata di Andria IGP presenta un ripieno di panna e pasta filata sfilacciata “stracciata” a mano. Il termine “stracciatella” prende origine da questo metodo di lavorazione del ripieno.

Le indicazioni più specifiche

Il sito specializzato Agraria.org fornisce indicazioni più specifiche: “Il latte può essere utilizzato sia crudo che pastorizzato a 72 °C per 15 secondi e deve essere riscaldato a 35-37 °C. La coagulazione, ottenuta con caglio di vitello naturale, è preceduta dalla fermentazione con addizione di latte innesto o siero innesto. La cagliata, rotta in grumi della grandezza di una nocciola, viene liberata del siero e lasciata a riposare per completare la maturazione lattica. La pasta così ottenuta viene filata con acqua bollente ed eventualmente addizionata di sale. Una parte di pasta filata viene ridotta in fettucce sfilacciate a mano, quindi raffreddate in acqua fino a formare un ammasso spugnoso che viene successivamente miscelato con panna per costituire il ripieno (stracciatella). La parte restante di pasta filata viene posta su sacchetti precedentemente riempiti con la stracciatella, i quali vengono rinchiusi modellando con cura l’imboccatura. Le forme vengono successivamente sottoposte a rassodamento in acqua fredda. Segue l’eventuale salatura con immersione in salamoia.”

La stracciatella di Andria si sposa bene con Aleatico di Puglia, Martina Franca e  Primitivo di Manduria. Si gusta da sola o accompagnata con insalate, verdure cotte o grigliate.

Un “Ottimo risultato quindi per gli artigiani casari di Andria che continuano a far crescere questo prodotto, divenuta una delle bandiere del nostro territorio a livello internazionale” – è il commento di Confcommercio Andria sull’attribuzione del premio.

 

 

 

About admin

Leggi anche

La storia della ciliegia Ferrovia

Durante quel ventennio ruggente del ‘900 italiano, lo yacht lo chiamavano pànfilo, l’hotel lo chiamavano …